Cerca
  • Plan Travel Live

Palermo: un viaggio tra bellezze culturali e delizie culinarie

Palermo. Meta ideale tutto l'anno, destinazione perfetta per gli amanti della natura, del buon cibo e per gli appassionati di storia. Questa città racchiude in sé stupende meraviglie architettoniche che attendono solo di essere scoperte. #palermo #italia #stupendasicilia #cannolisiciliani

Metà maggio, un ottimo periodo per visitare la bellissima città di Palermo, non ancora presa d'assalto dai turisti e dal caldo soffocante.



La Sicilia è una regione ricca di meravigliosi paesaggi naturali, un mare caraibico e cibo assolutamente delizioso. È facile capire perché la scelta sia caduta su questa meta. Non avendo giorni di ferie ci accontentiamo di un weekend, ma non preoccupatevi, ruscirete a vedere tanto e fare molto… quindi mettetevi comodi per scoprire Palermo, cosa visitare, dove mangiare… e cosa non fare!

Volo

Il volo (a/r) su Malpensa con Ryanair è costato 160 euro in due, quindi 80 euro a persona. Abbiamo prenotato a febbraio e con questo anticipo siamo riusciti a risparmiare parecchio su un volo che altrimenti sarebbe stato improponibile.

Hotel

Abbiamo optato per un b&b trovato su Booking nel cuore della Vucciria, un quartiere storico di Palermo: FraLePorte: costo di una camera doppia, una notte: 30,60 euro. Tasse 1,50*2


https://www.bedandbreakfast.eu/bed-and-breakfast-it/palermo/fraleporte/4547355/

Antonio, il proprietario, è davvero disponibile e gentile. Le camere pulite e spaziose.

Meglio chiedere delle stanze che non diano sulla via principale perché di notte si sente casino fino al mattino e può essere un problema per chi ha difficoltà a dormire

Giorno 1:

La sveglia suona, presto… troppo presto. Fuori piove a dirotto, arriviamo all’aeroporto un’ora e 15 circa prima dell’imbarco, insomma… le cose che mi mettono ansia. L’imbarco è alle 6.25, partiamo con una decina di minuti di ritardo. L’arrivo all’aeroporto di Palermo è previsto per le 8.55, ma grazie ai “venti a favore” arriviamo con 30’ di anticipo e per le 9 partiamo a bordo dell’autobus che ferma proprio all’uscita delle porte girevoli e che in circa 45’ ci lascia in via Roma, nel cuore della città.

Noleggiare una macchina??? NO NO NO! Assolutamente sconsigliato se la vostra unica meta è Palermo. Il traffico è pazzesco e i posteggi inesistenti, non imbarcatevi in questa impresa.

Autobus comodi e veloci. Il costo per il trasferimento andata-ritorno è di 10 euro a persona e ci sono partenze ogni 30’ proprio fuori dall'aeroporto per il centro di Palermo

link: https://www.prestiaecomande.it



PALERMO

Alle 10 del mattino ci troviamo di fronte ad uno scenario molto diverso rispetto a quello che ci ha accolti appena svegli. La pioggia scrosciante ha lasciato il posto ad un tenue sole. Siamo pronti ad iniziare il nostro weekend in questa magnifica città italiana. La nostra prima tappa è la Chiesa di San Domenico. Al nostro arrivo veniamo accolti da un gruppo di bambini, ci spiegano che ad ogni alunno è stato assegnato un dipinto, un bassorilievo, una campata, un transetto da spiegare ai turisti. Ne approfittiamo e seguiamo passo passo il percorso prestabilito, alla scoperta di questa chiesa di età barocca, dove si trova la tomba di Giovanni Falcone.

Usciti dalla Chiesa, sulla sinistra c'è una grande scritta: "Vucciria". Ci addentriamo nella stradina, ricca di bancarelle. Seguiamo l'odore di pesce fritto, frutta fresca e pane appena sfornato. La Vucciria è uno storico mercato di Palermo e merita sicuramente una visita e l'assaggio di qualche delizia appena preparata.



Camminiamo per le stradine fino ad arrivare a Piazza Pretoria, con al centro l'omonima fontana. La zona è ricca di palazzi e chiese che meritano certamente una visita: Chiesa di San Giuseppe dei Padri Teatini, Palazzo Pretorio, Palazzo Bonocore, Palazzo delle Aquile, Chiesa di San Cataldo e Chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio.


Davvero suggestivo passeggiare tra queste vie e tra questi monumenti

Poco distante si trova Quattro canti, famosa piazza barocca che come suggerisce il nome ai lati sono posizionate quattro fontane riccamente decorate.



Piazza Pretoria


Questa zona, a traffico limitato, è molto amata dalle famiglie e dai turisti, che senza preoccuparsi eccessivamente di auto e motorini possono passeggiare, vedere le vetrine e fermarsi per un gelato.

Affamati prendiamo un buon arancino e proseguiamo fino alla stupenda Cattedrale di Palermo.



Ci sono vari biglietti di ingresso: uno per il tetto (5 euro), uno per tetto e tombe reali, mentre quello più completo racchiude la visita della Cattedrale, salita al tetto, accesso alle tombe, alla cripta e al tesoro 8 euro.

Optiamo per quello più completo e iniziamo la salita verso la cima della Cattedrale...




La fame inizia a farsi sentire, sono ormai le 13.30. Siamo in una zona molto centrale e le trappole per turisti sono fin troppe. Indecisi ci affidiamo a Google Maps nella speranza di trovare un buon ristorante nelle vicinanze...e... siamo fortunati.

Poco distante dalla Cattedrale, per l'esattezza alle sue spalle, c'è un ottimo ristorante che prepara pesce fresco e tante altre specialità. Optiamo per un piatto di spaghetti allo scoglio e uno al nero di seppia. Buonissimi! I prezzi sono un po' più alti della media, ma la qualità è indiscutibile, così come l'atmosfera che si respira.


Ristorante "La Galleria"





Dopo un buon pranzo ci dirigiamo verso Palazzo dei Normanni, ma prima una breve sosta nel parco per una deliziosa spremuta di arance di Sicilia. L'ingresso al palazzo è un po' caro, 14 euro, è però inclusa la visita delle Stanze, Cappella Palatina e dei giardini.




Finita la visita ci dirigiamo stanchi al B&B dove ci attende il disponibile Antonio. Ci indica qualche buon posto per la cena e ci suggerisce alcuni posti da visitare il giorno seguente.

Alle 17 ci incamminiamo verso il Giardino Botanico. Sinceramente siamo rimasti un po' delusi, l'ingresso costa 4 euro, le piante non sono ben tenute e nemmeno il terreno. Alcune aree sembrano abbandonate e le serre in pessimo stato. È davvero un peccato, perché queste piante secolari e imponenti meriterebbero certamente una maggiore valorizzazione. 




La giornata è stata davvero lunga, abbiamo macinato più di 20km e affamati chiamiamo il ristorante consigliato da Antonio. Al telefono un ragazzo ci dice che non accettano prenotazioni e senza lasciarci aggiungere altro chiude la chiamata. Restiamo un po' perplessi e alla fine decidiamo di andare in un altro locale, quel comportamento non ci è proprio piaciuto.

Giorno 2


Ci svegliamo per le 9 circa. Il programma inizialmente prevedeva una bella giornata di mare, ma purtroppo il cielo nuvoloso e l'aria fresca ci impediscono di tuffarci tra le onde della spiaggia di Mondello.

Quindi...

Una buona colazione a base di cannolo siciliano e spremuta di arancia.

Dove mangiare buonissimi cannoli siciliani?


Beh ovviamente quale posto migliore di un ex convento, oggi pasticceria, che cucina dolci con le ricette delle suore?

Il convento di Santa Caterina, proprio accanto a Piazza Pretoria, offre delle delizie culinarie uniche. Restiamo incantati dai lunghi tavoli ricchi di dolci e decidiamo di prendere due grandi cannoli ripieni con ricotta freschissima.



Finita la colazione ci attende un altro incredibile luogo, poco conosciuto, ma molto suggestivo. La Chiesa di Santa Maria dello Spasimo. Questa struttura, costruita agli inizi del 1500, ha una particolarità che la rende davvero affascinante, ovvero la mancanza del tetto, più precisamente la volta della navata centrale.




La città non ha ancora finito di stupirci. Prima di pranzo decidiamo di gironzolare per le vie fino ad arrivare al bellissimo Teatro Massimo. Lo avevamo visto arrivando con il pullman e abbiamo deciso di vedere più da vicino questa imponente struttura. Per il pranzo non abbiamo una destinazione precisa, ma vagando qua e là ci imbattiamo in un mercato rionale. Assaggiamo fragole fresche e il profumo di agrumi è sublime. Tra le vie ci imbattiamo in un ristorantino e decidiamo di fermarci per un buon piatto a base di pesce. Alle 15 aprono le Catacombe dei Cappuccini e noi siamo in prima fila, pronti ad entrare. Biglietto di ingresso 3 euro, merita una visita, anche se si trovano in una zona abbastanza defilata e abbiamo camminato per più di un'ora, tra andare e tornare. 

Il nostro viaggio a Palermo è ormai giunto al termine, vi lascio qualche foto e vi aspetto per la lettura del prossimo articolo firmato Plan Travel Live




21 visualizzazioni
About Us

Greta&Gianluca, rispettivamente classe 1994 e 1993. Il Gene del Viaggiatore raggiunge in loro picchi altissimi. Amano andare alla scoperta del mondo e delle sue meraviglie.

 

Read More

 

  • Facebook - Bianco Circle

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com

Iscriviti alla nostra
mailing list